IMPUGNAZIONE DELL'INTIMAZIONE DI PAGAMENTO - IL RICORSO AVVERSO L'INTIMAZIONE E L' ANNULLAMENTO DEL DEBITO

14.08.2023


In questi giorni Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia, detta anche "Agente della Riscossione") sta notificando numerose intimazioni di pagamento ai contribuenti.

Ma di cosa si tratta?

1) COS'E' UNA INTIMAZIONE DI PAGAMENTO

L'intimazione di pagamento (detto anche "avviso di intimazione") è appunto un avviso che precede la vera e propria fase di espropriazione forzata (cioè quell'azione che ha come scopo quello di sottrarre dei beni alla disponibilità del debitore mediante il pignoramento (pignoramento del conto corrente, pignoramento del veicolo, pignoramento dell'abitazione, ecc), quindi si tratta della fase fase esecutiva finalizzata a ricavare denaro forzosamente. Un po' come dire "o paghi o ti pignoro".

L'art. 50, comma 2, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, stabilisce che l'espropriazione forzata, se non è iniziata entro un anno dalla notifica della cartella di pagamento, deve essere preceduta dalla notifica di un avviso che contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro cinque giorni dalla data della predetta notifica.

Quindi l'intimazione di pagamento, solitamente, è stata preceduta dalla notifica di una o più cartelle esattoriali (o avvisi di addebito se materia di contributi, oppure avvisi di accertamento se materia fiscale).


2)COSA PUO' FARE IL CONTRIBUENTE DOPO AVER RICEVUTO L'INTIMAZIONE DI PAGAMENTO?

a)può pagare le somme riportate nell'intimazione in un'unica soluzione.

b)può chiedere la rateizzazione (con apposita istanza) degli importi indicati (salvo precedenti decadenze di vecchie rateizzazioni).

c)può presentare ricorso contro l'intimazione di pagamento (rivolgendosi ad un'avvocato esperto nella materia)

d)può presentare un'istanza di annullamento in autotutela laddove abbia conservato le ricevute di pagamento delle cartelle esattoriali (o altri atti) contenuti all'interno dell'intimazione di pagamento.

e)può presentare un'istanza di rateizzazione (e quindi evitare procedure esecutive, espropriative, ecc) e contestualmente presentare ricorso per chiedere l'annullamento della pretesa.


3) QUALI SONO I MOTIVI DI IMPUGNAZIONE DELL'INTIMAZIONE DI PAGAMENTO?

Possono essere numerosi (e vari) e riguardano la mancata o errata notifica di uno o più atti (cartella esattoriale, avviso di accertamento, ecc) contenuti proprio all'interno dell'intimazione di pagamento, oppure l'avvenuto pagamento degli atti riportati nell'avviso, oppure la prescrizione o la decadenza delle somme richieste, e numerose altre eccezioni da individuarsi caso per caso.


Un esempio pratico di un caso risolto recentemente:

Un contribuente riceve una intimazione di pagamento recante la richiesta di pagare la somma totale pari ad euro 22.000,00 euro per mancato pagamento di contributi dovuti all'INPS.

Il presupposto dell'intimazione di pagamento è una cartella esattoriale notificata dall'INPS nell'anno 2007. Il contribuente si rivolge al sottoscritto difensore il quale, dopo attenta analisi, suggerisce di impugnare la richiesta debitoria poiché individua tre motivi di ricorso.

A seguito del deposito del ricorso da parte del sottoscritto avvocato, il Giudice sospende l'esecuzione esattoriale e, dopo attenta istruttoria, accoglie il ricorso ed annulla la richiesta di Agenzia delle Entrate per intervenuta prescrizione delle somme richieste al contribuente. 

(per ricevere la sentenza integrale inviare mail al sottoscritto).

Avv. Salvatore Ponzo

Avv. Salvatore Ponzo - Blog legale  
p.iva 04554670754 - Avvocato del foro di Lecce
via Lecce 2/a - 73056 Taurisano (LE)
via Templari 10/a - 73100 Lecce (LE)
mail: avv.ponzo@gmail.com 
p.e.c.: salvatoreponzo@pec.it
tel. 347.7020608 
 
Lo Studio legale dell'avvocato Ponzo, avvocato esperto in diritto tributario con studio in Lecce e Provincia di Lecce, si occupa di contenzioso Tributario, cartella di pagamento, intimazione di pagamento, ricorsi contro le cartelle di pagamento, sovraindebitamento, accertamenti da parte dell'Agenzia delle Entrate rateizzazioni, verifiche della Guardia di Finanza, soluzioni al debito, registrazione e protezione marchi, illegittima iscrizione in Crif (cancellazioni Crif), ed altre materie. Riceve a Taurisano (provincia di Lecce) e Lecce città e, in tutta Italia attraverso videocall (teams, skype, altre piattaforme)
Se sei un'azienda o una società e desideri sottoscrivere una convenzione con lo studio legale, contatta lo Studio per ricevere maggiori informazioni. Disponibile per sostituzioni o domiciliazioni, nonchè collaborazioni con altri professionisti (avvocati, commercialisti, consulenti legali, ragionieri, ecc.)

Tutti i diritti riservati 2021
Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!